Intervista a Luca Perazzoli sul lavoro, sullo spazio Bicocca16 e sul Coworking. Ovvero: cosa ti è saltato in mente?

Luca è la persona che ha visto il Coworking quando ancora non c’era nulla.
.
Si deve alla sua intuizione, oltre che al suo spirito imprenditoriale, se ora negli ambienti adiacenti al suo studio di foto/video, all’edificio sedici in Bicocca sta per nascere, tra pochi giorni, un Coworking.
.
Mentre alcune note biografiche su di lui e sulla sua attività professionale sono visibili nella sezione “chi siamo” del sito, abbiamo pensato di approfondire la sua conoscenza con un’intervista.
.
Al di là della “biografia ufficiale”, infatti, è curioso tentare di capire che cosa avvicina un fotografo e regista pubblicitario all’idea della condivisione collaborativa di spazi professionali… perché – conoscendo Luca lo possiamo affermare con certezza – in questo progetto c’è una passione speciale, che contagia ed entusiasma.
.
Capiamo quindi… cosa gli è saltato in mente!
.
Luca Perazzoli – Sono un fortunato figlio d’arte.
.
I miei genitori, entrambi fotografi, mi hanno trasmesso questa passione. Da sempre scatto foto per piacere, e dal 1990, lo faccio da professionista.
.
Cowo® – Caro Luca, raccontaci in poche parole la tua passione per le foto e l’immagine…
.Luca Perazzoli Bicocca16 Coworking
Oggi sono un fotografo e regista pubblicitario, ed il mio studio in Bicocca a Milano è dove svolgo con soddisfazione la mia attività.
.
Cowo® – E un’altra tua passione? (Anche più di una…)
.
Luca Perazzoli – Non ho una vera altra passione, ma molti interessi.
.
Il tennis e la musica mi riempiono tutto il tempo libero che riesco a ritagliarmi tra un lavoro e l’altro.
.
Con alcuni amici ho recentemente “inaugurato” una web radio, attività molto divertente.
.
Cowo® – La tua carriera ti ha portato in zona Bicocca, anzi all’edificio sedici: come?
.
Luca Perazzoli –
Era una zona che conoscevo da molti anni, ma ciò che mi ha convinto a lasciare il centro, nel 2008, è stata l’intuizione che la città stava cambiando e le periferie, migliorando.
.
L’edificio sedici, ha due linee della metro a poca distanza ed è molto ben collegato alle tangenziali.
.
Inoltre abbiamo un centro commerciale a pochi passi, con molti servizi utili disponibili.
.
Cowo® – Da Foto Studio a Coworking Space: quali sono le tappe di questa evoluzione? Sappiamo che lavori molto all’estero: arriva da fuori l’idea, oppure è 100% italiana?
.
Luca Perazzoli – Il mio studio rimane ancora indipendente dall’attività del Coworking, che è in uno spazio adiacente, ma non escludo in un prossimo futuro, di utilizzare anche gli spazi del mio lavoro personale come ambienti per organizzare eventi o presentazioni, collegate alle attività del Coworking.
.
Per quanto riguarda l’ispirazione, sono contento di dire che è 100% italiana: sono rimasto colpito positivamente dalle attività di Rete Cowo®, che seguo da tempo.
.
Cowo® –  Chi gestisce con te gli spazi? In che modo pensate di portare avanti entrambi i progetti?
.
Deborah Mazzara - Bicocca16 CoworkingLuca Perazzoli – Deborah Mazzara, la mia Studio Manager, si sta occupando di organizzare, tra le tante cose, anche la gestione del Coworking.
.
Siamo entrambi entusiasti e non vediamo l’ora di iniziare!
.
Cowo® – In quale momento è scattata nella tua testa la scintilla del Coworking? 
.
Luca Perazzoli – La scintilla, come dicevo prima, è nata quando ho iniziato ad approfondire il lavoro di Rete Cowo®, un Network che mi ha dato subito l’ispirazione, e successivamente la sicurezza di fare le cose come si deve.
.
Cowo® – E come si è consolidata l’idea del Coworking, dopo la prima scintilla?
.
Luca Perazzoli – Ormai si parla di Coworking quotidianamente, ovunque.
.
Molte società straniere stanno sviluppandosi in questo ambito, anche qui in Italia, e questo mi ha convinto a provarci.
.
Cowo® – Dal punto di vista puramente “fisico” (organizzazione spazi, arredi, impianti…) come hai vissuto la fase della preparazione?
.
Luca Perazzoli – Sembra un tempo infinito, quello dedicato alla preparazione dei locali… ci abbiamo anche scritto un articolo!

.
Ma entro pochissime settimane, quindi a Luglio 2019, dovremmo tagliare il nastro di inaugurazione… con molta soddisfazione per il lavoro fatto, che sta davvero riuscendo bene.
.
Speriamo che piaccia anche ai nostri futuri coworker!
.
Cowo® –  Che cosa ti aspetti dall’esperienza Coworking, e sopratutto: come ritieni che possa migliorare un profilo professionale già molto ricco e completo come il tuo?
.
Luca Perazzoli – Sono certo che questa attività sarà per me e Deborah un’esperienza super stimolante e ricca, come sempre avviene nell’incontro con le persone.
.
Il mio lavoro potrà solo migliorare e svilupparsi ulteriormente: so per esperienza quanto siano importanti gli stimoli positivi!
.
Cowo® – Perché hai pensato di lanciare il progetto in partnership con Rete Cowo®? E come vi ponete rispetto allo spazio Cowo® già aperto vicino a voi, nello stesso civico, appena 8 mesi fa?
.
Luca Perazzoli – Conosco il brand Cowo® già da diversi anni e lo seguo, nelle sue attività, apprezzandone lo sviluppo in tutta Italia e l’incredibile impegno personale  di chi ci lavora.
.
Siamo perfettamente consapevoli dell’esistenza dell’altro spazio Cowo®, a pochi passi da noi, come del resto lo sono anche loro.
.
Entrambi pensiamo che la vicinanza sia un’opportunità e non una minaccia, in quanto offriamo servizi compatibili, e comunque non riteniamo il Coworking un’attività economica tradizionale, dove ci possono essere logiche competitive.
.
Nel caso dei Coworking Spaces, secondo noi il modello di riferimento è l’ecosistema, non il mercato competitivo dove la vita di un prodotto può significare la morte di un altro.
.
In un’ecosistema sano e produttivo quale quello che ci circonda qui al quartiere Bicocca, chi come Cowo® porta avanti una visione collaborativa del Coworking fa crescere le opportunità per tutti..

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *